Zoo di Pinocchio. Pinocchio' prequel. 2016

Genere Teatro per la prima infanzia.
Pubblico a partire dai 3 anni.
Di Pietro Fenati
Con Pietro Fenati, Elvira Mascanzoni
Violoncello Jenny Burnazzi
Chitarra Andrea Carella
Luci Alessandro Bonoli
Regia Pietro Fenati.


MATERIALI

VIDEO

CARTOLINA_f
CARTOLINA_r
FOTO
SCHEDA PDF
SCHEDA TECNICA


Affrontare Le avventure di Pinocchio con originalità non è tanto semplice. Si tratta di uno dei libri più diffusi al mondo, oggetto di infinite riduzioni teatrali e cinematografiche.

Anche Drammatico vegetale tra i tanti ha già affrontato l’argomento, se così si può dire, realizzando un fortunato spettacolo su Pinocchio nel lontano 1990; lo spettacolo, giocato sul tema della bugia come gesto irriverente ma creativo, è stato presentato in Italia e all’estero per molti anni. Perché allora tornare su un tema apparentemente così sfruttato?

Questo è il destino delle grandi storie, che non finiscono mai di stupirci e stimolare la nostra creatività. Fino a farci cadere di nuovo nella rete pinocchiesca… 
E questa volta raccontiamo una storia dal punto di vista dei tanti animali che popolano le pagine del libro. E la raccontiamo a modo nostro, con poche parole e l’incanto delle figure e dei gesti.

In scena due improbabili demiurghi fanno ciò che sempre succede in teatro: creano una storia. Una storia che all’inizio è “la storia”. Prima viene la luce, poi lo spazio e il tempo, poi nasce la vita.
E da lì, dalla vita creata, si dipana uno strano bestiario che va dal grillo parlante (che stavolta non parla per nulla), al pulcino e la gallina, al colombo viaggiatore, al serpente, al gigantesco pescecane; un bestiario (o uno zoo) che ci indica la giusta strada alla ricerca della figura di Pinocchio, alla ricerca in fondo, della nostra umanità.
I due demiurghi, (il gatto e la volpe?) finalmente ci guidano all’albero da cui nasce Pinocchio, il nostro eroe.
Se questo romanzo di formazione ci dice che anche i burattini di legno hanno un’anima, ci dice pure che nelle Avventure di Pinocchio possiamo ritrovare le ragioni di fondo della nostra esistenza.

Basta cercare, magari osservando le cose con uno sguardo un pò strabico