PIN'OCCHIO ...
... ATTRAVERSO LO SPECCHIO - Installazione
... VIAGGIO GIOCOSO IN SETTE MOVIMENTI - Opera-Spettacolo


26 novembre - 11 dicembre 2016
PALAZZO RASPONI DALLE TESTE


MATERIALI

CARTOLINA f
CARTOLINA r
CARTOLINA RASPONI
MANIFESTO RASPONI
CALENDARIO STAGIONI
ARTEBEBÈ.blog
PIN'OCCHIO Yutube 2015
PIN'OCCHIO Yutube 2017



PIN’OCCHIO VIAGGIO GIOCOSO IN SETTE MOVIMENTI
Palazzo Rasponi dalle Teste · sabati e domeniche 26 e 27 novembre, 3 e 4, 10 e 11 dicembre, ore 15.30 e ore 17· posti limitati
opera-spettacolo per bambini, dai 3 ai 10 anni

Le corde più intime e la storia della Compagnia Drammatico Vegetale che da oltre quarant’anni si è dedicata al teatro e all’arte per l’infanzia, è esposta a Palazzo Rasponi dalle Teste come un viaggio giocoso in sette movimenti, un’opera-spettacolo con musica dal vivo, che attraversa lo spazio e il tempo, le materie e segni di una storia di collodiana memoria. Nel teatro di Mangiafuoco o nel Paese dei balocchi o ancora, nel ventre del Pesce-cane, il nostro Pinocchio sarà un po’ burattino un po’ bambino in carne ed ossa, a metà strada fra realtà e fantasia, tra bugia e verità, a curiosare tra le gioie e i dolori del mondo. Ancora una volta la magia del teatro si compie: tutto ciò che è finto è vero e viceversa. La vita è gioco, il teatro è gioco, il teatro è vita.

PIN’OCCHIO ATTRAVERSO LO SPECCHIO
Palazzo Rasponi dalle Teste · domeniche 27 novembre, 4 dicembre, ore 11 · posti limitati
opera-installazione per bambini, dai 18 mesi ai 3 anni

I più piccoli, associano Pinocchio a immagini, sensazioni confuse e frammentate dell’opera collodiana. L’opera-installazione ricrea questo mondo complesso e fantastico. È una casetta-specchio, che attrae e sorprende, perché il bambino-Pinocchio, di fronte a ciò che non conosce, sceglie di entrare e scoprire tra il desiderio e la paura del nuovo, quel mondo di esperienze e sensazioni che già gli appartengono. Appaiono così le immagini seppur frammentate del patrimonio di conoscenze, utili a guidarlo alla scoperta dello spazio fantastico. L’immagine riflessa del bambino-Pinocchio si confonde con i personaggi e i luoghi del romanzo. Sulla collina, tocca la casetta bianca della fata turchina, attraversa il fitto bosco che la circonda e mentre tanti animali lo osservano, entra per caso dentro la pancia del pescecane e... niente paura, è solo un gioco.